Sto leggendo questo. Ve lo regalo. Mi sento così, spesso.

Alone now. It’s better. The room is so white. When I close my eyes I can see the imprint of the window in negative. I concentrate on its image fading in my retina. People are no good with time. They can’t watch a minute hand move, let alone a second hand. They don’t see the leaves turn colour. They have their plans. Running around. Running out of time. My age. My career. I have to do this before I’m thirty. Before I miss the boat. Follow your desire. Make something of yourself. Be what you want to be. What do I want? Nothing. Wanting is killing us all. All of us. I want not to want. I want just to sleep.

E ve lo traduco anche, non resisto.

Sola adesso. E’ meglio. La stanza è così bianca. Quando chiudo gli occhi vedo la sagoma della finestra al negativo. Mi concentro sull’immagine che sbiadisce sulla retina. Le persone non ci sanno fare con il tempo. Non riescono a vedere il movimento della lancetta dei minuti, per non parlare di quella dei secondi. Non vedono le foglie che cambiano colore. Hanno dei progetti. Corrono da una parte all’altra. Non hanno più tempo. La mia età. La mia carriera. Devo farlo prima dei trent’anni. Prima di perdere il treno. Segui i tuoi desideri. Fai qualcosa della tua vita. Diventa quello che vuoi diventare. Cosa voglio? Niente. I desideri ci stanno uccidendo tutti. Tutti quanti. Voglio non volere. Voglio solo dormire.

Annunci