Mi sì ddummannate: pecchè ni scriv na cose tutte ‘n dialette? Tì so ditte: uarde cà dapò nin gi capisce niend nisciune, figurete tu cà sì di lu nord.

E tu li si lett la sctorie de le femmene cà si java a spusà a lu nord quande ere troppe vecchie pe li ggiuvene de lu paese sé? Na vote li so’ spiegate, aecche sopra a sta pagene, ma mò te l’arispieghe. Le femmene de vend’anne cà nin s’avè ‘ngore spusate, si facè spusà nghe l’ummene cà avè jite a fatijà a lu nord che se vulè purtà ammonde une de lu paese sé. E la femmene partè e jave a lu nord a spusarse. Daze cà facè la sctessa sctrade cà facè l’uve, da lu sud a lu nord dendre a le cascette, nghe la racciappele a picciule pirritte, si dicè cà la femmene avè jite a picciule pirritte. E nzomme…

Dapò so pinzate ca è na prese de tembe ca ni scrive niend pe lu tag “folk e propaganda abruzzese”, e mò m’aja rifà.

Che aecche nin vi duvete scurdà ca so na cafunette, vu cà nin mi liggete da Langiane. Quille de Langiane che me chenosce li sa, mi capisce, cà jì so nate mmezze a la cambagne, e so pazzijate mmezze a li pite de live, a la terre, a la jerve e nghe le galline e le cunije.

E mò stenghe a la capitale da n’anne e mmezze ormai, e so girate lu monne pe l’età che tenghe, e mi mbaurisce cà mi pozze scurdà da do tenghe a minì, e tutte le vote cà parle a lu telefene nghe mammà mi sfoghe a parlà sta parlate, sta parlata mè che è la prima lingua sctraniere cà mi so mbarate, e le cumbegna mì de la case si mette a ride quanda mi sende, la sardagnole e la laziale. Prime lu dialett, dapò lu taliane. E dapò criscenne mi ni so mbarate n’atre ddu tre, di parlate, ma quelle de lu core, de la terre, de mamma e de papà, è què, e nin mi li leve nisciune. Addore de live, de vigne, de mare e di mundagne, addore de legne e di jerve, sa de sughe e di pallotte cascie e ove, sta parlate.

E li sacce ca a sindirle senza esse di ecche, pare brutte, a sindì na fimminelle nghe la faccetta bbelle e sta vucetta fine cà parle accuscì, nghe la stessa parlate di nu vicchiarelle nghe na nazionale mmocche e la zappe mmane, ma nin mi ni mborte.

Quescte è la parlata mè, e ji nin c’arinunge.

[No panic. La traduzione è tra i commenti]

Annunci