::Interno sera, salotto::

 

Stravaccati sul divano a guardare il film dei Simpsons dopo cena e dopo un ammazzacaffè olandese, una giuliva Jun all’improvviso scatta alla ricerca dell’accendino per un impellente bisogno di una sigaretta. Un altrettanto giulivo Schiele per solidarietà scatta in piedi e fa’ per cercare qualcosa per un paio di minuti, in silenzio, poi si ferma, guarda Jun e fa: “Cos’è che stiamo cercando?”.

 

Ilarità generale.

 

::Interno sera, cucina::

 

Dopo cena e dopo un ammazzacaffè olandese, Jun e Schiele sono in piedi in cucina con una voragine nella panza a pianificare un dessert, lui si serve in un piattino mezzo chilo di gelato al limone, ci spruzza sopra la panna, ci disegna sopra cinque sei righe di caramello, assaggia un cucchiaino, è soddisfatto, Jun osserva allibita mangiando dalla padella due tre forchettate di penne alla vodka avanzate, poi offre una forchettata a Schiele che – ancora degustando il gelato al limone con la panna e il caramello – si lascia imboccare le penne senza la minima remora e poi dice Buoooono. Jun lo guarda con i lucciconi e gli dice Ecco perché sei l’uomo della mia vita.

 

L’ilarità regna sovrana.

 

::Interno notte, salotto::

 

Jun e Schiele finiscono di vedere i Simpsons, ma non paghi, non domi, si danno alla visione del documentario Citizen Berlusconi, che Jun ha già visto ma Schiele in quello stato chissà cosa ci ha capito.

A un certo punto Schiele scatta a sedere serissimo e dice Stoppa un attimo! Si alza dal divano e Jun pensa una serie di cose gravissime tipo che ha lasciato aperto il gas e stiamo per morire, dopodiché Schiele torna dalla cucina con in mano il sacchetto dei Nachos, si risiede soddisfatto e fa ripartire il dvd.

 

L’ilarità, etc. etc. Il cane ci guarda perplesso.

 

::Interno ore piccole, salotto::

 

Jun e Schiele continuano imperterriti con la visione di Baisers Volés di Truffaut, durante il quale finalmente cadono in coma accatastati sul divano per poi svegliarsi all’unisono nella scena in cui Antoine Doinel si guarda allo specchio e ripete un milione di volte il suo nome a voce sempre più alta. Jun e Schiele si guardano e Schiele dice impassibile: Che cazzo sta facendo questo?

 

L’ilarità la fa da padrona mentre Jun e Schiele vanno a morire sul letto.

Annunci